Tag

, , , , , , , , ,

Curreva na vota pe e vic’ e sta Terra,
na allera carrozza cu’ otto cavall.
E dint’ a carrozza nu sacco e perzone,
viecchie e criature, signur e signore.
E ogni cavall purtav a bandier,
chi o stemma cu’ e gigli, chi o nir destrier.
Tra tutt e cavall n’ge steva “Nasone”,
o cavall scugnizz, o chiù “Lazzarone”.
Currevano assieme e a genta trainata,
girava p’ò munn cu a capa aizata.
Na nera carrozza sta oggi fermata,
e tutt e cavall so stat cacciat.
Chi ha sciolto le briglie facenn e prumesse,
ha m’brugliat e perzone facennl fess.
Ma dint a carrozz se pur piccerell,
si sente struzzata na meza vucella.
Qualcun è rimast dint a carruzzell,
chiagnenn e chiammann chill’otto cavall.

di Giuseppe Di Stadio

TRADUZIONE
Correva una volta per i vicoli di questa terra,
una nera carrozza con otto cavalli.
E nella carrozza un sacco di persone,
vecchi e bambini, signori e signore.
E ogni cavallo portava una bandiera,
chi lo stemma coi gigli, chi un nero destriero.
Tra tutti i cavali ci stava “Nasone”,
il cavallo scugnizzo, il più “Lazzarone”.
Correvano insieme e la gente trainata,
girava per il mondo a testa alzata.
Una nera carrozza sta oggi fermata,
e tutti i cavalli son stati cacciati.
Chi ha sciolto le briglie facendo promesse,
ha imbrogliato le persone facendole fesse.
Ma nella carrozza se pur piccolina,
si sente strozzata una mezza vocina.
Qualcuno è rimasto nella carrozzella,
piangendo e chiamando quegli otto cavalli.

Annunci