Tag

, , , , , , , , , , , ,

Quanta gente pe’ sti vic’
c’è passat a vocc apert,
gent d’oggi e gent antic’
gent e for o e chesti part.

Ma chi guarda a chesta mamma
cu’ a chiù grossa meravigl’,
nun è cert’ o’ furastier
ma so sulamente e figl’.

E ne ponn parlà male
e sta “mamm de terron”,
ma se sape ca ogni figlio
è nu bellu scarrafone.

E parole e port o vient
comm a storia n’gopp e fogli’,
ma l’offese e chesta gent
fann male comme e mbruoglie.

Se so scritt cattiverie
sann ditt e falsità,
mo sta mamma sta n’caten,
ma lle dà ancor a mangià.

Ma o chiù bell dei regali
te la mis dint e vene,
tu…si figlio e na muntagna,
tu…si figlio e na siren’.

Giuseppe Di Stadio

Allegory_of_Naples(Traduzione)

Quanta gente per questi vicoli
c’è passata a bocca aperta,
gente di oggi e gente antica
gente di fuori o di queste parti.

Ma chi guarda a questa mamma
con la più grossa meraviglia,
non è certo il forestiero
ma son solamente i figli.

E ne posson parlar male
di questa “mamma dei terroni”
ma si sa che ogni figlio
è “nu bellu scarrafone”.

Le parole le porta il vento
come la storia su questi fogli,
ma le offese di questa gente
fanno male più degli imbrogli.

Se ne son scritte di cattiverie
se ne son dette di falsità,
ora questa mamma è ormai in catene
ma li da ancora a mangiare.

Ma il più bello dei regali
te l’ha messo nelle vene,
tu…sei figlio di una montagna!
tu…sei figlio di una sirena!

 

Annunci