Antiche preghiere alla Madre Iside

ab

Dea dalle molte facoltà,
onore del sesso femminile.
Amabile, che fa regnare la dolcezza nelle assemblee,
nemica dell’odio,
Tu regni nel Sublime e nell’Infinito.
Tu trionfi facilmente sui despoti con i tuoi consigli leali.
Sei tu che, da sola, hai ritrovato tuo fratello (Osiri), che hai
ben governato la barca, e gli hai dato una sepoltura degna di lui.
Tu vuoi che le donne (in età di procreare) si uniscano agli uomini.
Sei tu la Signora della Terra
Tu hai reso il potere delle donne uguale a quello degli uomini!

(Tratto dal Papiro di Ossirinco n.1380, 1. 214-216, risalente al II secolo a.C.)

Perché Io sono la Prima e l’Ultima.
Io sono la Venerata e la Disprezzata.
Io sono la Prostituta e la Santa.
Io sono la Sposa e la Vergine.
Io sono la Madre e la Figlia.
Io sono le braccia di mia Madre.
Io sono la Sterile, eppure sono numerosi i miei figli.
Io sono la donna sposata e la nubile.
Io sono Colei che dà alla Luce e Colei che non ha mai partorito.
Io sono la consolazione dei dolori del parto.
Io sono la Sposa e lo Sposo.
E fu il mio Uomo che nutrì la mia fertilità.
Io sono la Madre di mio Padre.
Io sono la sorella di mio marito.
Ed Egli à il mio figliolo respinto.
Rispettatemi Sempre.
Poiché Io sono la Scandalosa e la Magnifica.”
(III-IV sec. A.c. Rinvenuto a Nag Ammadi – Egitto)

Annunci

2 pensieri riguardo “Antiche preghiere alla Madre Iside

  1. Paolo Trezzi 22 Mag 2013 — 10:04

    Cavoli…. mi ricorda qualcosa della religione cristiana cattolica questa preghiera… quante analogie…. Comunque è un sito interessante questo. L’ho trovato leggendo sul gruppo di Mauro Biglino, che stimo moltissimo. La verità verrà fuori. Oforse c’è già è che….i nostri capi non ce la vogliono mostrare così com’è. A presto! Paolo

    1. Grazie mille Paolo. Mauro è un ottimo faro nel buio nonché un amico. Sai, quando diverse comunità, anche geograficamente distanti tra loro, in fin dei conti venerano e divinizzano gli stessi individui, o meglio le stesse tipologie di individui, è per forza di cose che si riscontrano analogie tra esse studiando ciò che è arrivato a noi oggi. La verità, perseguita, cercata e divulgata da liberi pensatori e liberi ricercatori si trova ahimè sempre alla fine di un impervio sentiero pieno di ostacoli, ma la determinazione e il rispetto nei confronti della nostra storia e della nostra intelligenza fa si che non smettiamo mai di percorrere quel sentiero con passo deciso e forte. A presto. Giuseppe

Rispondi a giuseppedistadio Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close