Bella accoglienza vero?

Nel mio blog non verranno mai trattate tematiche sportive ed è per questo che nel seguente post non parlo da tifoso del Napoli Calcio ma da cittadino ITALIANO. L’appartenenza per diritto di nascita e di sangue, ad una delle più belle (se non la prima) città della penisola ITALICA, ovvero Napoli, mi obbliga quasi inevitabilmente a dire la mia sugli incresciosi episodi di sabato 20 ottobre 2011 in occasione dell’incontro sportivo di calcio tenutosi a Torino tra le rispettive formazioni delle due città ITALIANE. Premettendo che i messaggi sono ben indirizzati a determinati individui, e quindi non includono grosse categorie di persone, invito tutti coloro che volessero controbattere a farlo in piena tranquillità e pubblicamente.

Il mio primo messaggio è diretto a TUTTE QUELLE PERSONE che hanno accolto i cittadini ITALIANI di Napoli con cartelli, striscioni e cori sintetizzati (solo per mia educazione) in frasi del tipo: Benvenuti in Italia.

Carissimi, riflettiamo giusto un secondo ed in modo molto superficiale e comprensibile a chiunque voglia leggere:

1. “Obbedisco” – 26 ottobre 1860. Giuseppe Garibaldi incontra in una cittadina della provincia di Caserta, Teano (ai tempi Taverna Catena), il re di Sardegna Vittorio Emanuele II, al quale furono  letteralmente consegnate le chiavi delle provincie meridionali. Tale incontro ebbe la significativa valenza storica di una forzata adesione alla politica di casa Savoia, addirittura contro l’aspettativa  del popolo del sud, dell’ ipotetica formazione di una repubblica meridionale di stampo mazziniano… quindi primo step: in mancanza di fondi nelle casse del nord si pensa bene di saccheggiare le  floride ricchezze economiche sel sud con il pretesto dell’unificazione territoriale (superiorità economica).

2. Il primo parlamento fù istituito a Torino è vero…ma andiamo leggermente oltre l’informazione di base…Era composto di 443 deputati e 211 senatori di nomina regia, per un 81% di provenienza e/o comunque origine meridionale (compromesso ottenuto per il fatto di aver appunto saccheggiato le banche del sud, vo ci date i vostri soldi ma in compenso noi ve li facciamo amministrare, suona bene no?); Secondo step: composizione a maggioranza meridionale del primo organo realmente influente della Repubblica Italiana (superiorità politica e maggiore capacità amministrativa).

3. Senza continuare in noiose digrassioni storiche spostiamoci su dati di fatto di natura ben più “terra terra” (da buon terrone quale sono). Girando per il mondo ed interrogando cittadini di qualsivoglia nazione europea  ed extracomunitaria, è simpatico notare come si ricordi della città di Torino ovviamente la Mole Antoneliana, buona parte delle persone inoltre ricorda il Duomo di San Giovanni e la Cappella della Sacra Sindone,  qualche irriducibile amante dell’arte e della storia al massimo potrà citare Venaria Reale e Palazzo Reale……….Sapete invece cosa risponde un cittadino/turista/artista/storico ecc ecc quando gli si chiede  cosa conosce di Napoli anche solo per sentito dire? Con molta probabilità la risposta è: “Scusa ma adesso non ho tempo per sedermi qui un paio d’ore ed elencarti le meraviglie ITALIANE e sottolineo ITALIANE  presenti nella città di Napoli” (superiorità indiscussa di bellezza artistico/storica su scala mondiale).

Quindi carissimi concittadini ITALIANI di Torino, prima di sbandierare i vostri simpatici slogan, fermatevi 10 secondi, riflettete, se la cosa vi risulta difficile potete anche chiedere aiuto a terzi, e dopo decidete se farla o no questa pessima figura.

Il mio secondo messaggio è rivolto direttamente allo staff composto dai vari giornalisti della RAI Radio Televisione Italiana (e sottolineo ITALIANA) che si sono simpaticamente cimentati con esilarante divertimento nel produrre, montare, firmare e mandare in onda su reti pubbliche nazionali ITALIANE diversi servizi a scopo chiaramente RAZZIALE. Carissimi signori, l’unica vostra ragione sta solo nel fatto che io neanche dovrei oggi essere qui ad argomentare sulla questione. Ma mi piacerebbe davvero controllare se il vostro olfatto che utilizzate per AVVERTIRE LA PRESENZA DI NAPOLETANI A CAUSA DELLA NOSTRA CARATTERIZZANTE PUZZA vi funziona ancora bene in virtù delle enormi quantità di sostanze che quotidianamente passano per le vostre narici….ma come siete mal pensanti…cosa avete pensato? Non mi riferivo certo a quello, ma ai fumi ed allo smog di Torino, che di certo a lungo andare compromettono il vostro olfatto. In effetti c’è chi dice che l’olfatto sia strettamente legato anche al gusto. La percezione di cattivi odori si ripercuote indubbiamente anche nella cavità orale e sulle papille gustative…(sempre che ve ne siano rimaste di intatte, in virtù delle leccate di culo quotidiane che fate a destra e sinistra per buttar giù qualche ridicolo servizio sulle tette di Kate o su quanta audience abbia fatto l’ottantenne Terence Hill a cavallo nell’ultima serie tv RAI). Ma come si sa bene, è molto più semplice manifestare la propria ignoranza che dimostrare il proprio intelletto.

Infine mi rivolgo direttamente alla RAI Radio Televisione Italiana. Signori, ma come? Un vostro dipendente manifesta a tutto il paese il suo grado di indiscussa civiltà attraverso evidenti e dirette dichiarazioni razziali, e voi cosa fate? Anzi sarebbe meglio dire cosa non fate? Neanche un’accenno? Il napoletano non aspetta di certo le scuse pubbliche in prima serata, magari durante il TG di punta, anche perchè l’educazione non la si suggerisce. Forse magari potevano essere anche lette due righe, giusto per prendere le distanze dall’individuo, anche solo per aver mandato in onda tale scempio…ma va bene così…sapere cosa vi dico. IO SONO POSSESSORE DI 4 TELEVISORI, 2 PC, 1 TABLET CON REGOLARE CONNESSIONE AD INTERNET, 1 RADIO E UNO SMARTPHONE. SONO UN NAPOLETANO ONESTO (e profumato) E NON HO MAI PAGATO NESSUNA FORMA DI PIZZO, QUINDI NEANCHE IL VOSTRO AMATO CANONE, NON HO INTENZIONE DI FARLO NE OGGI, NE MAI…E SE LA COSA NON VI STA BENE, VENITE PURE A CHIEDERMELO DIRETTAMENTE A CASA…così vi offro anche il caffè e facciamo un bel servizio sull’OSPITALITA’ DEI NAPOLETANI magari qualcuno su nella nebbia impara come ci si comporta con gli ospiti.

Giuseppe Di Stadio 

Annunci